Piatto non proprio veloce ma appetitoso e molto invernale.
Serve una zucca mantovana, quella verde. Solitamente la trovo da Eataly o da Carrefour.
La pulisco, la taglio a fette, poi a pezzi, e la metto in forno a 180° con un filo di olio sale e pepe. La tengo in forno fino a che si ammorbidisce.

Mettete un pò di olio, scalogno e guanciale (o speck) in un tegame. Fate scaldare il tutto e rovesciateci sopra la zucca.
Se i pezzi sono grandi, iniziate a sminuzzarla. Dategli il tempo di prendere il condimento. Regolate di sale e pepe. Fatela andare per 5 minuti (anche meno, la zucca è già cotta) dopo di ché, quando si sarà inevitabilmente asciugata, bagnate con un pò di acqua.
Passate tutto al mixer (io uso il frullatore ad immersione) e riducete la zucca ai minimi termini. Aggiungete acqua calda se l’amalgama è troppo densa (lo sarà).
Dovete ottenere una crema. Aggiustate di sale e pepe se necessario (sempre assaggiare….) e rimettere nella casseruola

Nel frattempo ho messo a lessare le castagne (non mi chiedete per quanto tempo perchè non me lo ricordo). Apritele e sbriciolatele grossolanamente quando sono ancora calde, altrimenti lo “sbriciolamento” risulterà essere più complicato. Mettete le castagne sbriciolate nella crema di zucca.

A parte, in un pentolino, rosolate, senza ulteriori grassi, il guanciale.
Scolatelo e tamponatelo ben bene con uno scottex.

Gnocchi. Se avete tempo di farli, fateli e saranno più buoni. Per questo piatto fateli piccoli.
Se invece li comperate, verificate che siano di patate e non di “qualcosa che ha a che fare con le patate”, ne vale del risultato finale.
Metteteli in pentola, tanto ci vorrà veramente poco.

Preparatevi anche il Castelmagno, sbriciolandolo – tanto si sbriciola per natura – in una coppetta.
Lo so, il Castelmagno costa un botto, ma vi garantisco che è meglio una manciatina di Castelmagno che un qualunque altro formaggio.

Scolate gli gnocchi. O meglio, tirateli su in quanto questo piatto tende drammaticamente ad asciugarsi.
Mettete gli gnocchi nella crema di zucca – mi raccomando, tanta crema – bagnando con un pò di acqua di cottura per evitare di fare il famoso “mappazzone” (Cit. Bruno Barbieri)
Assemblate il piatto con una generosa porzione di gnocchi, un ulteriore ritocco di crema per non lasciarli asciutti, una spolverata di Castelmagno e una spolverata di guanciale croccante.
Se avete maggiorana fresca, qualche foglionina qua e la darà il tocco finale.

Buon appetito!