Decanter si, decanter no
decanter with red wine and glass on a old stone background

Decanter si, decanter no

Vi è capitato di cenare in un ristorante esclusivo, scegliere un vino dal nome altisonante e dall’annata di pregio, e vedervi arrivare il Sommelier con un kit pittoresco composto da cestino di vimini (con bottiglia languidamente adagiata all’interno di esso), candela e decanter? (altro…)

Dov’è il frutto?

Certamente un unicum nel panorama italiano della cultura enogastronomica, l’approccio edonistico di Luca Maroni al vino tiene banco oramai da oltre 25 anni: il primo Annuario dei Migliori Vini Italiani ha preso vita nel 1993; da allora, circa  240 mila i vini degustati (altro…)

MareMMMa, che vino!

Roma ti sorprende sempre, anche quando non è protagonista! Ci vivi per 50 anni (uno meno, uno più …) e non immagineresti mai che, tra i palazzi del centro, così all’improvviso, possa apparirti un angolo maestoso come il Ninfeo di Palazzo Borghese. (altro…)

Chablisienne e Chablisien

Che le cantine sociali siano sinonimo di vino di quantità (e, di conseguenza, non di qualità) e’ un giudizio semplicistico dal quale vorrei prendere distanza. (altro…)

La “degustazione condivisa” e il Sancerre di Monsieur Vatàn

A noi di Bordolese.it il vino piace berlo in compagnia, e condividerne le sensazioni. Abbiamo colto l’occasione di un Sancerre 2003 di Monsieur Vatàn per aggiungere altri Sancerres, dal bianco al rosso, per sederci attorno ad un tavolo, bere le nostre bottiglie e condividerne le impressioni.  Claudia Meo, sommelier AIS è la nostra reporter per questa prima, ufficiale “Degustazione condivisa” (nb. le nosre degustazioni sono gratuite e autofinanziate…). (altro…)

Bere Bene? In qualche caso… lo dobbiamo a un atto di fede!

Proviamo a pensare, solo per un attimo, come sarebbe oggi il mondo, o più semplicemente la nostra cantina, se nel lontano 1668 (anno più, anno meno) a Pierre Perignon non fosse stato affidato, dall’Ordine Benedettino, il compito di responsabile di cantina del monastero di Saint-Pierre d’Hautvillers, e se nei successivi cinquant’anni non avesse diviso le sue giornate tra vigne, torchi, chiostro e altare, al fine di onorare la missione affidata e, per quel tramite, glorificare la propria Fede. (altro…)

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare