Il cannonau che fa bene al cuore…

Questo è il mio primo incontro con la Sardegna. E inizio con il “Panzale” di Cantina Berritta.
Siamo a Dorgali, costa orientale della Sardegna, zona vocata per il Cannonau. Un cannonau prodotto in modo artigianale, con uve lavorate a mano, fermentazione naturale e lieviti spontanei.
c’è anche il “Panzale“, un vitigno autoctono che i Berritta stanno riscoprendo. Assaggiato negli anni sessanta, è stato ripreso con l’intento di usarlo non solo per il vino passito ma anche per una vinificazione in secco.
I vini di Berritta sono pensati per avere carattere. Carattere che si vede anche dai nomi “Thurcalesu“, “Nostranu” (come viene chiamato qui il cannonau)….
Si va dal Cannonau al Syrah. Un cannonau che vien presentato in blend anche con il Syrah, ma anche rosato con un nome “Marinu” che lascia intuire le sue origini e le sue intenzioni.

Grazie Francesco, ci vediamo a Dorgali.

www.cantinaberritta.it

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Maurizio Gabriele

Maurizio Gabriele

Fondamentalmente un curioso. Programmatore e sistemista pentito, decide di virare in modo netto verso il mondo della comunicazione, caratterizzato da progetti decisamente più stimolanti. Attratto dalla cucina sia come forma di espressione che di nutrimento e, inevitabilmente, dal vino. Sommelier dal 2018, Writer per passione. Entusiasta per scelta di vita.
Le “donne del vino”…

E’ una riflessione della scorsa settimana: ma quante donne abbiamo incontrato girando per cantine? Tante, veramente

In volo

Quando vedi una barriccaia come quella di Donnafugata a Marsala e in tasca hai un drone

Guarda anche...