“Mettere in un sacchetto e cuocere a 68° per 26 ore”

Sfoglio un giornale, di quelli “specializzati” preso ad una degustazione come campione omaggio, e tra i vari articoli scorgo una ricetta la qual, dopo aver elencato uan serie di ingredienti, cita testualmente “…quindi mettere in un sacchetto e cuocere a 68° per 26 ore”. Ora, va bene la pazienza, il valore delle cotture sottovuoto, la mancanza di perdita dipeso di tali cotture, la conservazione di succhi e aromi, ma mi piacerebbe vorrei vedere la faccia di mia madre nel momento in cui le dico “Sai mamma, adesso mettiamo tutto in un sacchetto e cuociamo per 26 ore”.

Marchigiana di origine, al’insegna dei “sughetti leggeri”, figuriamoci lo shock che potrei crearle. Sicuramente stupore e incredulità di fronte al fatto che qualcuno possa cuocere un pezzo di carne per 26 ore.

Avevo quasi la tentazione di comperarmi un roner. Per ora mi è passata. Non vorrei diventare esagerato….:)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Maurizio Gabriele

Maurizio Gabriele

Fondamentalmente un curioso. Programmatore e sistemista pentito, decide di virare in modo netto verso il mondo della comunicazione, caratterizzato da progetti decisamente più stimolanti. Attratto dalla cucina sia come forma di espressione che di nutrimento e, inevitabilmente, dal vino. Sommelier dal 2018, Writer per passione. Entusiasta per scelta di vita.
Peposo.

Firenze, un venerdì sera. Ma soprattutto una fame di quelle che pretendono roba di sostanza.

Tapas intriganti…

A me piacciono le Tapas che si trovano nella Spagna del nord. Paesi Baschi, Asturias, Galicia,

La Pizza di Bonci

Gabriele Bonci è oramai un personaggio televisivo. Un “signor fornaio” famoso a Roma per la sua

Leggi anche...