Pacher Hof

Solitamente, nelle vacanze con gli amici, io sono quello che “fa i programmi”. I nostri amici oramai si sono assuefatti a questo trattamento, e devo dire che sono diventati anche molto esigenti. Sfruttando il loro totale “affidarsi” ai tour da me proposti, questa estate ne ho proposto uno molto strategico, forse anche un pò subdolo direi.

Direzione Novacella. Le donne, dopo tanta natura selvaggia, indirizzate verso una passeggiata più cittadina in quel di Bressanone. Noi…prenotati per una visita in cantina da Pacherof (su suggerimento del mio Prof. Michele Mastropierro).

Gruppetto di una decina di persone. Si parte dalla vigna. Siamo in collina sulla valle dell’Isarco e il padrone di casa ci racconta il territorio. Mele a valle, vino in collina. L’esposizione solare. I vitigni. Poi le note dolenti dell’ultima gelata e dalla grandinata violenta di due giorni prima. Ci vengono mostrati i filari e la diversa situazione delle viti, quelle salvate con l’utilizzo delle candele antigelo e quelle che invece hanno risentito della gelata. Mamma mia, penso… facile per noi stappare e bere, ma per chi invece il vino lo deve produrre, i problemi sono altri e veramente tanti.

Passiamo poi in cantina per una rapida spiegazione dei legni e delle botti presenti. Quindi filati nella sala di assaggio, molto intima e accogliente.

Beviamo nell’ordine.

  • Sylvaner 2016, un must.
  • Kerner 2016. Il mio primo kerner, bella scoperta
  • Gruner Veltliner 2016. Confesso non sapevo neanche esistesse.
  • Muller Thurgau 2016. Leggero, profumato, perfetto per questa estate.
  • Pinot grigio 2016. Elegante, bel ricordo al naso e in bocca
  • Gewurtztraminer 2016. Il solito vino piacione ?

 

Non posso non portarmi via una cassetta di vino. Sicuramente un paio di Kerner, scoperta degli ultimi giorni, Un Pinot grigio (puoi andar via di qui senza?), Due Gruner Veltliner (mai bevuti, quindi un paio) e un solo Gewurtztraminer. Si, uno solo, è un vino che comincia un po’ a stufarmi…si, buono, ma tendenzialmente “piacione”, mentre man mano che cresce ma mia cultura enologica, mi piace assaggiare cose diverse…

Bella gita. Bella atmosfera. Ed è solo la prima cantina del tour estivo…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Maurizio Gabriele

Maurizio Gabriele

Fondamentalmente un curioso. Programmatore e sistemista pentito, decide di virare in modo netto verso il mondo della comunicazione, caratterizzato da progetti decisamente più stimolanti. Attratto dalla cucina sia come forma di espressione che di nutrimento e, inevitabilmente, dal vino. Sommelier dal 2018, Writer per passione. Entusiasta per scelta di vita.
La coppia perfetta

Non me ne vogliano Veronica e Alessandro dell’azienda Palladino di Serralunga D’Alba, se per un momento

Leggi anche...